You are currently browsing the tag archive for the ‘Sant’Agostino’ tag.

Il Museo Diocesano presenta mercoledì 14 marzo 2012 alle ore 18 presso la Sala dell’Arciconfraternita il libro di Tiziano Colombi, Santi Patroni padani, pubblicato dalla casa editrice Effigie.

Ne parleranno con l’autore Paolo Biscottini e Telmo Pievani.

Cos’hanno in comune una prostituta tunisina e Santa Giulia di Brescia? Cos’hanno in comune un clandestino egiziano e Sant’Alessandro di Bergamo? E un parcheggiatore abusivo e San Zeno di Verona? E il naufragio di una giovane clan- destina egiziana e Santa Fosca di Torcello? E il Battesimo di Sant’Agostino nel Naviglio di Milano? E la vendita al- l’asta di San Teonisto a Treviso? E la maratona di Santa Giustina a Padova? E Ario al giuramento di Pontida? E un generale egiziano a Sto Moritz? Dieci vite di patroni di città padane s’intrecciano con le storie di dieci immigrati. Un invito a riflettere sulle origini nordafricane della Cristianità.
Tiziano Colombi (Bergamo, 30 Giugno 1972) pubblica «Il segreto di Cicerone», Sellerio 1994, con una nota di Luciano Canfora e si laurea, nel 1996, in filosofia della scienza con il Professore Giulio Giorello, presso la Statale di Milano. Collabora alla rivista Il primo amore ed è tra gli organizzatori di Cammina cammina.

Annunci

Le lamine d’argento, a stampo, lavorate ‘a giorno’ e fissate con chiodini sui piatti della legatura (ricoperti di velluto rosso), presentano una cartella centrale dai profili mossi, circondata da ricchi girali acantini che ospita la raffigurazione di un santo (rispettivamente sui due piatti: Sant’Agostino e Sant’ Ambrogio); lungo il perimetro dei piatti si notano motivi vegetali distribuiti ordinatamente, che includono fiori resi naturalisticamente.
 
Ricopre un ‘Messale Ambrosiano’ a stampa, edito nel 1902 (e non nel ‘1932’, come figura in Zilocchi, 1981; e Museo Diocesano, 2005). La legatura si deve ritenere coeva alla data di edizione del volume, cui si adatta perfettamente.
 
Le lamine d’argento hanno subito smontaggi e ricollocazioni con conseguenti danneggiamenti. Non presenta più le chiusure. Restaurata nel 2001.

Inizi del XX secolo. Legatura di messale.
Velluto, lamina d’argento sbalzata e cesellata
cm 39,5 x 28 x 5,5

Il Museo Diocesano di Milano

Aperto al pubblico dal 2001, il Museo Diocesano ospita una collezione permanente costituita da più di settecento opere di epoca compresa tra il IV ed il XXI secolo. Una viva testimonianza della produzione artistica ambrosiana.

Aggiornamenti Twitter

Annunci